Nel rispetto della disciplina del Codice privacy (Decreto Legislativo 196/2003), questo sito usa cookie tecnici per la gestione della navigazione e altre funzioni. Chiudendo il banner l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie che saranno memorizzati sul proprio dispositivo. Per saperne di più cliccare sul pulsante Approfondisci.

Mob : 3461342460

Ala piccola di 175 centimetri. Laureata in Economia e gestione delle imprese turistiche, specialistica in management del turismo, è un esempio per le nuove generazioni, 

marziarainbowper aver saputo sempre conciliare l’impegno agonistico con il lavoro e lo studio, e i suoi più intimi rapporti umani, con grande affetto, sincerità e senso dell’amicizia. Le sue caratteristiche sono rapidità, buon tiro dalla distanza, duttile sia in difesa che in attacco, affronta senza difficoltà qualsiasi tipo di avversario, oltre a dare il suo contributo a rimbalzo. Esperienza ad Augusta nel 2002 a parte, fedelissima del parquet di Catania, la sua città, da quando ha iniziato l’appassionata carriera agonistica. Salto in A2 nel 2003 con la Palmares e con l’Olympia Catania dieci anni dopo nel 2013/2014, poi in B con la Rainbow fino ai giorni d’oggi, campionato 2015\2016, in cui milita con la sua maglia del cuore in serie C.

La tua passione viscerale è da sempre la palla a spicchi. Qual è quella che ti caratterizza al di fuori del basket? «Amo la musica, il cinema, il teatro e la buona cucina. Quando non sono a lavoro o in palestra amo ascoltare i miei cd, andare a caccia di bei film e di ricette sfiziose. Peggio ancora, quando mi parte la fantasia, mi metto ai fornelli o prendo la chitarra, questo rigorosamente in solitudine, ed invento su più fronti. Il teatro è un'arte assai speciale e devo questa passione a mia madre che, fin da piccola, mi portava allo stabile ad ammirare lo spettacolo. Idem per il cinema. Mamma è il mio My Movies ufficiale, prima testa lei, dopo, se passa il suo severo giudizio, vado io». 

Non hai scuse per non rispondere a questa seconda domanda, troppi minuti importanti giocati in campo per glissare simpaticamente, con la modestia e l’umiltà che ti caratterizzano da sempre. Vogliamo sapere qual è la migliore partita disputata fino a questo momento? «Non sono una giocatrice "rumorosa" con tanti punti nelle mani e non godo di lunga memoria, ormai le problematiche dell'età mi attanagliano, ma un paio di partite cara Lupi, proprio non le posso proprio dimenticare. Evidentemente gli Dei del basket quei giorni erano con me! Te le elenco: Basilia Potenza - Rainbow Catania, due punti portati a casa dopo una partita al cardiopalma. Eravamo prive di Capitan Puglisi e sulla carta più deboli, ma quel giorno ricordo che ci guardammo letteralmente negli occhi ed ognuna diede più di qualcosa in più. Andò alla grande, sia a livello personale, che di squadra. Palmares Catania - Pontedera, mio esordio in A2 oltre che prima di campionato, in casa per di più. Quel "pazzo" del mio coach, allora Pippo Borzì, pensò bene di affidarmi una "mission impossible": marcare a uomo, anche se fosse andata alla toilette, solamente Lucilla Matassini, che a fine anno chiuse come miglior realizzatrice girone sud. Credevo che le ragazze avrebbero giocato in quattro in attacco, non avevo coscienza di cosa potessi fare e dare alla squadra, lo dico davvero. Ero in totale panico. Invece alla fine la mia avversaria non arrivò nemmeno alla doppia cifra, si innervosì non poco, segnai anche qualche bel canestro, presa dalla totale trance agonistica, e si, vincemmo la partita. Cosa più divertente, e per cui ancora rido a crepapelle, fu che il lunedì l'articolo della Sicilia recitava testuali parole "Ferlito come Ivan Cordoba". Fui molto orgogliosa, per la difesa, non per l'interista». 

Mi voglio fare un po’ i fatti tuoi. Il tuo rito scaramantico prima di entrare in campo? «Non sono scaramantica. Provo solo qualche tiro da 3 ripetutamente dagli angoli in riscaldamento per sciogliere la tensione e poi ho un piccolo tic: mi sistemo soltanto i calzini ogni 2X3».

C’è qualcuno a cui vuoi dire un grazie speciale che porti dentro da un po’ e che vuoi esternare in tutta sincerità? «Credo sia giusto ringraziare mio padre per due motivi: uno, piuttosto superficiale e agli occhi di tutti, che inizia da quando ha contratto il "virus pallacanestro" vedendomi muovere i primi passi, fino a questi giorni, in cui continua, con notevoli sforzi, problematiche ed ostacoli, a credere insieme a me nella Rainbow. Secondo motivo, sconosciuto ai più ma altrettanto vero, che fa capo al fatto che mai, e dico, mai, mi ha fatto sentire una privilegiata rispetto alle mie compagne. Avrei tanto detestato se mi avesse protetta e "raccomandata" con l'ambiente esterno e, grazie al cielo, non lo ha mai fatto. Anzi, devo dire che posso nominarlo non tra i miei tifosi, ma tra i miei critici più sinceri; e forse è per questo che ancora insisto, magari riesco a dimostrargli che qualcosina l'ho imparata! Scherzo caro Presidente. Poi voglio ringraziare i nostri collaboratori silenziosi all'interno della Rainbow, ognuno con i propri pregi e difetti, ma di sicuro con tanto cuore di far crescere questa piccola ed ambiziosa realtà. Al volo permettimi una breve menzione per ognuno: Alfredo, i Pippi, Agata, Fortunato, Susy, Santino, Gianluca, che fino all'anno scorso è stato davvero prezioso, Lucy e lo staff di Sicra, Tania e Marco, Gabriella e le mie amiche ritrovate Carla e Manu, speciali. Poi, dulcis in fundo, te Lupi. Un grazie sentito è per voi».


Qual è l’anno più bello che vuoi raccontare, quello caratterizzato da episodi simpatici o particolari che porterai sempre con te? «Guarda ricordo con immensi sorrisi di certo gli anni di gioventù con le mie amiche storiche: Ari, Rosa, Anto, Silvia, Silke, Pacitta, Giorgina, Crosti. E con le amiche meno giovani (ora mi prenderanno a botte) come Lele, Vale, Mannu, Anto Bush, Belfio, Bruni la sempreverde e Serafica, la zia con cui viaggiavamo verso Augusta nel lontano 2002. Ricordi divertentissimi che porterò sempre con me sono: le trasferte in pulmino con coach Cimellaro, Lele, Silvia e l'autista, quando le si premeva di nascosto l'acceleratore. Le trasferte in nave quando giocavamo in Campania e, alle 3/4 di notte imitavo con un perfetto napoletano il marinaio che circa quattro ore dopo ci avrebbe svegliato. Era stupendo vedere le compagne disfatte che aprivano la porta credendo di essere in ritardo.E le trasferte con Di Piazza che, senza pietà, né sonno a quanto sembrava, percorreva avanti e dietro i corridoi desiderosa di ronde notturne. Cestisticamente parlando, sicuramente l'anno di A2 con Pippo non lo dimenticherò mai, perché partii da illustre sconosciuta, ma lui mi diede una possibilità, dicendomi alla prima riunione: "Io non ti conosco, non ho idea di che apporto potresti o potrai dare alla squadra, ma inizia ad allenarti e vedremo.” Quelle parole in me accesero la speranza, insieme alla forte consapevolezza che dovevo lavorare infinitamente, che potevo starci. In mezzo a professioniste molto capaci, riuscii ad integrarmi ed a diventare importante, seppur con quelle due frecce che avevo in faretra. Pippo mi ha insegnato che non bisogna solo lavorare e contare su chi oggettivamente è capace, forte e talentuoso, ma che si può ottenere tanto anche da chi, con poca tecnica, ha tanta voglia di imparare e di dare. Finimmo il campionato, non senza difficoltà, ma con un budget molto ridotto rispetto all'anno precedente e con la metà di giocatrici "professioniste", ma si creò un super gruppo e ci salvammo, a conferma che in una SQUADRA, per far bene bastano 4 giocatrici di categoria, un coraggioso al timone e tanto, tanto cuore».

Il senso della Rainbow è quello di far sentire tutti all’interno di una grande famiglia ed è stato da sempre il filo conduttore dei vari progetti basati su quello portante, di fare crescere le giovani, con l’esempio delle più grandi. L’obiettivo principale di quest’anno e degli anni che vengono per Marzia giocatrice qual è? «L'obiettivo per me è far innamorare dei nostri colori ogni appartenente alla società, dalle giocatrici, ai genitori, allo staff tecnico e non, ai tifosi, ai parenti, ai bimbi che seguiamo attraverso i progetti scuola. Con questo concetto voglio dire che se non ci sentiamo tutti parte di qualcosa che è casa, che è fortezza da non far violare agli avversari, che è maglia, che è un palazzetto, che è Rainbow insomma, e non una qualsiasi squadra, non avremo mai quella forza che ti dà un marcia in più. La palestra puoi cambiarla, se ne apre una più vicina a casa, se c'è una promo vantaggiosa. La squadra invece la ami e ne fai parte. In campo, dagli uffici, da scuola, nelle riunioni piene di screzi, durante i viaggi in trasferta, nelle vittorie, e ancor più nelle sconfitte, la squadra la devi sentire. Mi piacerebbe tanto che tutti i nostri tesserati ed i nostri amici, pian piano inizino a sentire questo senso di appartenenza e mi auguro saremo anche noi sempre più bravi e capaci di migliorarci e di diventare sempre di più!».

Non hai i permessi per commentare l'articolo

Chi siamo

Associazione Polisportiva Dilettantistica Rainbow Catania

Sede : Via Etnea n. 110
Catania 95131
Partita Iva : 03634570877
Codice Fiscale : 93071910876

Prossimo incontro

 

 

 

 

      

 

 

 

 

 

Ultime News

  • Comunicato stampa - Da Reggio Calabria a Catania: Noemi Nucera in arrivo alla Rainbow

    Leggi tutto...

  • Comunicato stampa - Da casa Rainbow a Battipaglia: Giulia Patanè spicca il volo

    Leggi tutto...

  • #BeRainbow: il nostro Open day tra conferme e novità

    Leggi tutto...

  • Parola d'ordine "costruire": intervista a Marzia Ferlito

    Leggi tutto...

  • #BeRainbow: il 28 agosto l’Open Day della Rainbow Catania

    Leggi tutto...

Foto Gallery